Piano degli studi

Moral Theology

1° Semestre

Codice Nome Docente ECTS
G272 Letture di Teologia morale I
Questa materia mira a favorire il contatto diretto degli studenti con alcuni testi di teologia a cui si attribuisce particolare valore scientifico o formativo. Sotto la guida di un docente, lo studente leggerà i testi stabiliti e, al termine del corso, dovrà sostenere una prova di profitto sulle letture svolte. Informazioni più dettagliate sui testi da leggere saranno reperibili in Segreteria accademica.
Insa Gómez - Bellocq Montano - Ramoneda 3
G292 Letture di Teologia morale II
Vedi primo semestre.
3
D042 Corso di Metodologia Teologica Pratica
Criteriologia del lavoro di ricerca in Teologia. L’apparato critico e la bibliografia. Introduzione alla preparazione della tesi di Licenza e di Dottorato. L’impiego della Sacra Scrittura. L’uso delle principali fonti patristiche, medievali, moderne e contemporanee. I repertori bibliografici. Le risorse di Internet per la ricerca in Teologia. N.B. Il corso si svolge durante il primo semestre. È un corso obbligatorio per gli studenti del secondo anno di Licenza. Per la specializzazione in Teologia Biblica il corso è coordinato dal Prof. J.C. Ossandón. Per la specializzazione in Storia della Chiesa il corso è tenuto dal Prof. L. Martínez Ferrer. Per la specializzazione in Teologia Liturgica il corso si svolge nel secondo semestre del primo anno, ed è tenuto dal Prof. A. Di Stefano.
Ducay - Requena 3
EBBL1 Ebraico biblico 1
Obiettivi: 1) Apprendere gradualmente le basi morfologiche e sintattiche dell’ebraico biblico. 2) Leggere, analizzare e tradurre testi della Bibbia Ebraica, principalmente narrativi. 3) Acquisire un vocabolario di base. Contenuti: 1) Ortografia e fonetica. 2) Articolo, preposizioni, sostantivi, aggettivi; catena costrutta; suffissi pronominale. 3) Le "forme" verbali (binyanim) attivo-causative (Qal, Piel, Hifil), nei diversi "modi" e "tempi"; i suffissi di oggetto diretto. 4) Nozione essenziali di sintassi ebraica (sequenza narrativa, proposizioni temporali, finali ecc.).          
Henríquez 7
GRBL1 Greco biblico 1
Obiettivi: 1) Apprendere gradualmente le basi morfologiche e sintattiche dell’greco biblico. 2) Leggere, analizzare e tradurre frasi elementari in greco come pure versetti scelti del Nuovo Testamento. 3) Acquisire un vocabolario di base. Contenuti: 1) Fonetica: alfabeto, pronuncia, traslitterazione. 2) Sistema nominale: la flessione di sostantivi, aggettivi e pronomi. Articolo, preposizioni, congiunzioni e avverbi frequenti. 3) Sistema verbale: verbi della coniugazione tematica al Presente (indicativo, imperativo, infinito, participio); all’Imperfetto (indicativo); al Futuro (indicativo,); al Aoristo (indicativo, imperativo, infinito, participio) nelle diatesi attiva e media. 4) Nozioni basilari di sintassi greca.                
Henríquez 7
LALT Latino per la licenza in Teologia
Il corso, che pur prevede un conciso riepilogo delle principali nozioni grammaticali del latino (morfologia nominale e verbale, sintassi dei casi e del verbo, elementi fondamentali di sintassi del periodo), ha come obiettivo principale quello di offrire agli studenti la possibilità di un approfondito studio della lingua tramite un contatto diretto con i testi che hanno segnato la storia del pensiero cristiano nella loro originale redazione in lingua latina. Saranno presi in esame scritti di apologetica, atti e passioni dei martiri, testi patristici e di filosofi cristiani, per un periodo che spazia dagli albori del cristianesimo fino al medioevo.
Pirrone 6
G224 Avviamento alla teologia morale: natura, metodo, storia
La morale nelle fonti della teologia: Antico Testamento. La morale nei Vangeli. La morale nel corpus paulinum. La patristica. Elementi di storia della teologia morale: la teologia morale scolastica. La teologia morale dal XIV al XVIII secolo. I movimenti di rinnovamento della teologia morale e il Concilio Vaticano II. L’enciclica Veritatis Splendor nel contesto della teologia morale. Alcune impostazioni attuali d’insegnamento della teologia morale. Natura e metodo della teologia morale: la vita cristiana come sequela di Cristo. La teologia morale come intelligenza della vita cristiana. La teologia morale e il magistero della Chiesa. Il rapporto ragione-fede in ambito morale. Alcune questioni attualmente dibattute.    
Insa Gómez - Bellocq Montano 6
H192 Etica della sessualità e della famiglia
Sessualità e matrimonio nella Sacra Scrittura. Struttura e significati fondamentali della sessualità umana: analisi antropologica. La virtù morale della castità. Castità e pudore. I peccati contro la castità: essenza e forme della lussuria; i peccati interni; i peccati esterni di lussuria incompleta; i peccati esterni di lussuria completa. Alcuni problemi particolari: l’omosessualità; gli abusi sessuali sui minori e la pedofilia. La castità prematrimoniale. La castità coniugale: l’amore coniugale; santità delle relazioni coniugali; la paternità responsabile; gli abusi del matrimonio: la contraccezione; la sterilizzazione; la cooperazione materiale al peccato del coniuge. L’attenzione pastorale dei coniugi. Le situazioni familiari irregolari. L’educazione dell’affettività e l’educazione sessuale.
Rodríguez Luño 4
H792 Il principio di sussidiarietà e il razionalismo sociale
il Magistero sociale di Leone XIII e i movimenti sociali della fine del 800. Il ruolo della Chiesa secondo la Longinqua Oceani. Regimi sociali di separazione, di integrazione e di distinzione fra la Chiesa e lo Stato. Il progetto razionalista dell'ingegneria sociale. Le promesse di sviluppi economici ininterrotti e il ruolo dello Stato. Un ordine sociale che rispetti la dignità umana. Il bene comune della polis digitale. I diritti umani e la dichiarazione universale. I diritti umani nella tradizione della Chiesa. L'incremento del numero di diritti umani e del loro significato.
Mendoza 4
G282 Teologia della coscienza morale I: percorso storico
Gli interrogativi riguardanti la “coscienza morale” conservano una perenne attualità, interessando sempre tutti e ciascuno, in qualsiasi frangente storico. La coscienza è come il “luogo interiore” dove si pone concretamente per ogni uomo la domanda fondamentale circa il bene e circa il male morale. Si è spesso designata la coscienza come la “voce di Dio” in noi, ma per molti, non solo ai nostri giorni, essa sembra confondersi con il diritto d’agire secondo la propria opinione personale, seguendo isolatamente, ognuno per conto proprio, appunto, come si dice, la “propria coscienza”. La questione è dunque cruciale: esiste al fondo della nostra coscienza una luce che ci sospinge al bene facendoci rifuggire dal male, oppure, al contrario, ognuno è lasciato solo con sé stesso, proprio in rapporto a ciò che è bene e male? Detto in altri termini: la morale riposa sulla solida roccia di una legge interiore, percepibile da ogni uomo nel segreto del proprio cuore, oppure è soggetta alle variazioni continue delle opinioni, dei tempi e delle culture? Ad una prima parte di carattere storico-filosofico-teologico, con l'individuazione di alcuni Autori e di alcune epoche di grande rilievo (san Paolo e la filosofia antica; Agostino e i Padri della Chiesa; Tommaso e Bonaventura; Martin Lutero e Ignazio di Loyola; i "manuali" di tradizione casuistica e Alfonso Maria de Liguori; J.H. Newman e R. Guardini; K. Wojtyla e J. Ratzinger) - ciò che sarà il contentuo del corso nel 1° semestre dell'A.A. -, faranno seguito alcuni approfondimenti sistematici (Chiesa, Stato, libertà e coscienza nel secolo XIX; Leone XIII e la dottrina sociale della Chiesa; l'insegnamento del Concilio Vaticano II in alcuni scritti di J. Ratzinger; dopo il Vaticano II: itinerari della coscienza per una nuova evangelizzazione; la coscienza come "eco dello Spirito"; cenni a M. Heidegger, E. Lévinas e P. Ricoeur; Dignitatis humanae, evangelizzazione e pensiero dialettico contemporaneo) - ciò che sarà invece contenuto del corso nel 2° semestre dell'A.A. Per la bibliografia, vastissima, ci si limita qui a quattro titoli; altri testi verranno suggeriti durante lo svolgimento delle lezioni.        
Borgonovo 4
L603 Fondamento trinitario della vita teologale
Il fondamento dell'agire morale della persona in grazie è la sua partecipazione alla vita trinitaria. Partendo dalla richiesta morale presente nell'accesso naturale dell'uomo a Dio (virtù della religione), si studierà la base biblica e gli elementi di teologia trinitaria che permettono fondare teologicamente questa affermazione, con speciale riferimento al concetto di missione trinitaria e inabitazione. Da qui si passa a considerare come la persona inabitata manifesta la sua assimilazione alle Persone divine attraverso le virtù teologali e i doni dello Spirito Santo. Si farà riferimento speciale al dono di Sapienza e alla sua relazione con la filiazione divina, secondo la dottrina di Tommaso. Il corso prevede, oltre all'esame finale, la realizzazione di un elaborato scritto di 3500 parole.
Galván 7
D102 Identità dinamica del cristianesimo: tre maestri per un cambio di epoca
Abstract: lo scopo di questo corso è offrire agli studenti alcune categorie filosofico-teologiche che possano aiutargli a vivere la fede cristiana con apertura costruttiva in un contesto di cambio. La metodologia scelta è l'esame diretto dei testi di tre grandi intellettuali cattolici: Newman, Guardini e Congar. Essi rappresentano idealmente gli ultimi due secoli di pensiero cattolico in dialogo con la modernità e il loro lavoro ci aiuta a pensare l'identità dinamica del cristianesimo in una epoca di cambio. Ognuno di loro appartiene a un contesto nazionale diverso, a una chiesa locale diversa, con sfide diverse ed eredità diverse. John-Henry Newman (†1890) ha preso sul serio lo sviluppo della dottrina cristiana nella storia, l'istanza soggettiva della modernità e la risposta credente al liberalismo filosofico dell'Ottocento inglese. Romano Guardini (†1968) ha dovuto operare nel contesto tedesco del disincanto post-bellico dove è emerso il nazionalismo ateo e ha intavolato un fecondo dialogo tra la fede e le istanze critiche del pensiero contemporaneo. In fine, Yves-Marie Congar (†1995), domenicano francese, ha preso sul serio la storia nella sua teologia, proponendo un modo di impostare le riforme che si lega idealmente con alcune delle idee di Newman e una idea di tradizione che è arrivata poi al Vaticano II. P { margin-bottom: 0.21cm }
Fernández Labastida - V. C. de Salis Amaral 3
M872 Teología latinoamericana: pasado, presente y futuro
El curso ofrece un estudio histórico-teológico de la teología elaborada en Latinoamérica a lo largo del siglo XX y principios del XXI. En la 1a parte se ofrecerá un repaso de la evangelización americana, la precaria situación de la Iglesia en el siglo XIX, y su resurgimiento en la primera mitad del siglo XX. La 2a parte constará de tres etapas: a) La evolución eclesial y teológica de la segunda mitad del siglo XX, en que se abordarán las principales corrientes (teologías liberacionistas, teología del pueblo, teologías temáticas y locales), haciendo hincapié en las causas de su origen y en sus principales representantes; b) el Celam: origen y evolución; c) aportaciones y perspectivas de la teología en y desde Latinoamérica para el siglo XXI.   DURACIÓN: Del 30 noviembre al 16 diciembre 2022 HORARIO: De lunes a viernes de 15.00 a 16.40
Alejos 3
M362 Archeologia e arte paleocristiana a Roma
La città di Roma ha giocato un ruolo essenziale nello sviluppo e nella diffusione del cristianesimo primitivo, e allo stesso tempo, già dall’età imperiale, l’arte e l’architettura promossa in essa sono stati un esempio e modello per le altre città dell’impero. È per questa ragione che l’approssimazione all’archeologia e all’arte paleocristiana di Roma risultano fondamentali per la conoscenza di questi aspetti in tutto l’orbe cristiano. La materia prevede lo svolgimento di lezioni sia in aula che nei principali luoghi e monumenti paleocristiani della città di Roma, in modo che gli studenti acquisiscano una conoscenza globale, e non soltanto teorica, dell’archeologia e l’arte paleocristiana. Il corso sarà diviso in quattro grandi aree tematiche: 1) Città e architettura; 2) I luoghi di culto; 3) Aree cimiteriali e devozione ai martiri; 4) Arte e iconografia paleocristiana. 
Domingo 3
S519 Accompagnamento pastorale e disturbi psichici
 Vengono presentati, da una prospettiva scientifica interdisciplinare (teologico-pastorale e medica), gli aspetti fondamentali della cura pastorale dei malati affetti da diversi disturbi psichici.   Il seminario tratterà sia aspetti teorici (senso cristiano del dolore, la malattia e la morte; orientamenti contenuti nei manuali di teologia pastorale; breve descrizione medica dei principali disturbi mentali) che pratici: come il sacerdote (ovviamente, non operando come terapeuta) può aiutare il malato ad avere un atteggiamento cristiano e come può accompagnarlo fino alla guarigione o a una morte cristiana e i mezzi che offre la Chiesa (orazione, sacramenti, ecc.).  Ciascuna delle sessioni si servirà di un caso.  
Insa Gómez 3

2° Semestre

Codice Nome Docente ECTS
G272 Letture di Teologia morale I
Questa materia mira a favorire il contatto diretto degli studenti con alcuni testi di teologia a cui si attribuisce particolare valore scientifico o formativo. Sotto la guida di un docente, lo studente leggerà i testi stabiliti e, al termine del corso, dovrà sostenere una prova di profitto sulle letture svolte. Informazioni più dettagliate sui testi da leggere saranno reperibili in Segreteria accademica.
Insa Gómez - Bellocq Montano - Ramoneda 3
G292 Letture di Teologia morale II
Vedi primo semestre.
3
EBBL2 Ebraico biblico 2
Obiettivi: 1) Ampliare le conoscenze pregresse di morfologia e sintassi dell'ebraico biblico. 2) Leggere, analizzare e tradurre brani narrativi della Bibbia Ebraica (il corso prevede lo studio di capitoli scelti di alcuni libri storici dell'AT). 3) Acquisire un vocabolario di base. Contenuti: 1) Le "forme" (binyanim) passivo riflessive del verbo forte (Nifal, Pual, Hofal, Hitpael). 2) I sette "binyanim" dei verbi deboli: I-III Alef; I Nun; I-Yod; III-He; II-Waw/Yod; Geminati. 3) Approfondimento della sintassi ebraica.            
Henríquez 7
GRBL2 Greco biblico 2
Obiettivi: 1) Ampliare le conoscenze pregresse di morfologia e di sintassi del greco del Nuovo Testamento. 2) Leggere e analizzare brani scelti dei vangeli (l'ultima parte del corso sarà dedicata allo studio dei cc. 8–20 del vangelo di Matteo). 3) Acquisire un vocabolario di base. Contenuti: 1) Verbi della coniugazione tematica al Presente, all’Imperfetto, al Futuro e al Aoristo nella diatesi passiva. 2) Il sistema del Perfetto (e piuccheperfetto) nelle tre diatesi. 3) Il modo Congiuntivo (al Presente e all'Aoristo) nelle tre diatesi. 4) I verbi della coniugazione atematica.          
Henríquez 7
LALT Latino per la licenza in Teologia
Il corso, che pur prevede un conciso riepilogo delle principali nozioni grammaticali del latino (morfologia nominale e verbale, sintassi dei casi e del verbo, elementi fondamentali di sintassi del periodo), ha come obiettivo principale quello di offrire agli studenti la possibilità di un approfondito studio della lingua tramite un contatto diretto con i testi che hanno segnato la storia del pensiero cristiano nella loro originale redazione in lingua latina. Saranno presi in esame scritti di apologetica, atti e passioni dei martiri, testi patristici e di filosofi cristiani, per un periodo che spazia dagli albori del cristianesimo fino al medioevo.
Pirrone 6
H203 Questioni di bioetica nel fine vita
Il corso si propone di presentare i principali problemi morali che si pongono oggi in ambito medico nelle situazioni di malattia grave e fine vita: in modo particolare quelli che riguardano le decisioni sull’inizio e la sospensione delle terapie, così come il dibattito attuale in rapporto all'eutanasia e il suicidio assistito. Da questa prospettiva si approfondisce il concetto di relazione medico-paziente come perno sul quale poggiano molte delle questioni morali in studio, e l'importanza della comunicazione trai soggetti implicati in questi contesti. La presentazione viene fatta dalla prospettiva della bioetica e della teologia morale.    
Requena 6
H782 Introduzione all'etica politica
L’atteggiamento nei confronti dell’ordine politico nel Nuovo Testamento. Etica personale, etica sociale ed etica politica. Presupposti antropologici del bene comune politico. Contenuti fondamentali del bene comune politico. La giustizia sociale. Orientamenti fondamentali dell’etica politica. La formazione della coscienza in materia sociale e politica. p { margin-bottom: 0.1in; direction: ltr; color: rgb(0, 0, 0); line-height: 120%; text-align: justify; }p.western { font-family: "Liberation Serif", "Times New Roman", serif; font-size: 12pt; }p.cjk { font-family: "Droid Sans Fallback"; font-size: 12pt; }p.ctl { font-family: "FreeSans"; font-size: 12pt; }
Rodríguez Luño 4
G192 Teologia della coscienza morale II: approfondimento sistematico
Gli interrogativi riguardanti la “coscienza morale” conservano una perenne attualità, interessando sempre tutti e ciascuno, in qualsiasi frangente storico. La coscienza è come il “luogo interiore” dove si pone concretamente per ogni uomo la domanda fondamentale circa il bene e circa il male morale. Si è spesso designata la coscienza come la “voce di Dio” in noi, ma per molti, non solo ai nostri giorni, essa sembra confondersi con il diritto d’agire secondo la propria opinione personale, seguendo isolatamente, ognuno per conto proprio, appunto, come si dice, la “propria coscienza”. La questione è dunque cruciale: esiste al fondo della nostra coscienza una luce che ci sospinge al bene facendoci rifuggire dal male, oppure, al contrario, ognuno è lasciato solo con sé stesso, proprio in rapporto a ciò che è bene e male? Detto in altri termini: la morale riposa sulla solida roccia di una legge interiore, percepibile da ogni uomo nel segreto del proprio cuore, oppure è soggetta alle variazioni continue delle opinioni, dei tempi e delle culture? Ad una prima parte di carattere storico-filosofico-teologico, con l'individuazione di alcuni Autori e di alcune epoche storiche di grande rilievo (san Paolo e la filosofia antica; Agostino e i Padri della Chiesa; Tommaso e Bonaventura; Martin Lutero e Ignazio di Loyola; i "manuali" di tradizione casuistica e Alfonso Maria de Liguori; J.H. Newman e R. Guardini; K. Wojtyla e J. Ratzinger) - ciò che sarà il contenuto del corso nel 1° semestre dell'A.A. -, faranno seguito alcuni approfondimenti sistematici (Chiesa, Stato, libertà e coscienza nel secolo XIX; Leone XIII e la dottrina sociale della Chiesa; l'insegnamento del Concilio Vaticano II in alcuni scritti di J. Ratzinger; dopo il Vaticano II: itinerari della coscienza per una nuova evangelizzazione; la coscienza come "eco dello Spirito"; cenni a M. Heidegger, E. Lévinas e P. Ricoeur; Dignitatis humanae, evangelizzazione e pensiero dialettico contemporaneo) - ciò che sarà invece contenuto del corso nel 2° semestre dell'A.A. Per la bibliografia, vastissima, ci si limita qui a quattro titoli; altri testi verranno suggeriti durante lo svolgimento delle lezioni.          
Borgonovo 4
C522 Giustificazione e figliolanza divina in San Paolo
Il corso si propone di approfondire i motivi della giustificazione e della figliolanza divina nell’epistolario paolino, alla luce della riflessione teologico-morale dell’Apostolo. Dopo aver presentato una panoramica essenziale delle lettere di Paolo, il percorso si articola in otto tappe: a) il retroterra anticotestamentario della giustizia-giustificazione; b) la giustizia-giustificazione in Galati; c) la giustizia-giustificazione in Romani; d) lo sviluppo del tema nelle altre lettere paoline; e) il retroterra anticotestamentario della figliolanza divina; f) La figliolanza divina in Galati e Romani; g) La relazione tra giustificazione e figliolanza nella teologia e nella morale paolina; h) Aspetti del dibattito teologico nella storia e prospettive attuali. Conclusione.
de Virgilio 3
H403 Características y temas fundamentales de la ética de la virtud
La ética de la virtud en comparación con otras figuras de ética. La ética de la virtud y la renovación de la teología moral. Características fundamentales de la ética de la virtud. Ética personal, ética social y ética política. La concepción del bien global del hombre y del cristiano como punto de referencia fundamental de la razón práctica. Bienes, virtudes y normas. La teoría de la acción. Prudencia, conciencia y discernimiento moral.
Rodríguez Luño 4
I202 Luigi Giussani. La sua esperienza dell'uomo e di Cristo
Il corso si articolerà in due parti. La prima, più breve, avrà un indirizzo prevalentemente storico e affronterà quattro momenti fondamentali per lItalia e per l’Europa della seconda metà del Novecento: 1.      la Chiesa e la società in Italia negli anni Cinquanta; 2.      la contestazione del 1968: la violenza e la proposta cristiana; 3.      gli anni Settantae Ottanta: la nascita diComunione e Liberazionee il suo sviluppoanche attraverso molte opere; 4.      il passaggio del millennio. La seconda parte, più ampia, avrà un indirizzo prevalentemente teologico e pedagogico, attraverso l’analisi dei più importanti scrittidi don Giussani: i primi scrittiraccolti in Porta la speranza; i testi di Gioventù Studentesca; le lezioni al liceo e all’università: il Percorso, Il senso religioso, la cristologia e l’ecclesiologia; la vita come vocazione: Si può vivere così?!; i testi rivolti agli universitari e alla Fraternità di Comunione e Liberazione; i testi sull’educazione edin particolare quelli rivolti agli insegnanti; l’impegno sociale e politico; la misericordia come sintesi della vita di Dio verso l’uomo; Maria.
Camisasca 3
Q622 Movimenti ecclesiali nella Chiesa
Nel secolo scorso si è registrata una grande fioritura di nuovi movimenti ecclesiali, sotto l’impulso dello Spirito Santo. Queste nuove forme di apostolato sono state spesso oggetto di resistenza e hanno originato non poche tensioni. In questo corso studieremo il fenomeno, analizzando il concetto di “nuovo movimento ecclesiale”, l’origine di tali movimenti, le loro caratteristiche principali, il loro rapporto con l’autorità della Chiesa, la loro presenza nella chiesa particolare e la loro configurazione giuridica.
Navarro 4
S414 Studio di alcuni casi di coscienza
Studio di 10 casi di coscienza relativi a questioni che appaiono di frequente nella prassi pastorale: ricorso ai sacramenti in situazioni particolari, cooperazione con attività disoneste, vicende affettive complesse, rapporti prematrimoniali, ecc.  
Bellocq Montano 3
S544 Il concetto di "giustizia sociale"
Il seminario si propone di definire il concetto di giustizia sociale. La nostra idea è che si tratta di un termine a cui si può arrivare per vie diverse: innanzitutto attraverso un esercizio della ragione pratica che ci permette di scegliere ciò che è proprio di ogni persona e di rispettarlo.  Le credenze religiose e la concezione di una giustizia divina ci permettono di sviluppare un senso più ampio della giustizia terrena. In terzo luogo, il dialogo tra persone intelligenti e libere permette di trovare un accordo sulla giustizia per vivere in società. Infine, la comprensione del diritto e del sistema giuridico come espressione di un insieme di norme sociali consolidate nel tempo. Questi percorsi: ragione, fede, dialogo e diritto costituiscono in modo integrale il concetto di giustizia sociale.
Mendoza 3
S546 Lettura critica di "Alla ricerca del volto umano"
Il seminario affronterà un testo fondamentale di don Giussani per comprendere la sua antropologia: Alla ricerca del volto umano. Il libro, pubblicato in diverse edizioni, verrà studiato nell’edizione Rizzoli 1995 o in quelle successive sempre edite da Rizzoli.
Camisasca 3

Follow the university's activities

Newsletter - L'Appuntamento

Stay up to date on our activities and events

Subscribe